Un Rivoluzionario Silenzioso

“Non ho pensato neanche per un istante che avessimo fatto cose che avrebbero avuto un impatto di portata mondiale. Quello che abbiamo fatto è stato mostrare che il cambiamento è possibile, che la riconciliazione è possibile, la riduzione delle tensioni è possibile se è presente un clima centrato sulla persona, facilitante. E questo significa moltissimo per me. Quello su cui abbiamo lavorato è più essenziale della soluzione dei problemi; abbiamo lavorato per aiutare le persone a comprendersi l’un l’altra, a comunicare l’una con l’altra, e questo, sento, rappresenta una base molto più realistica per la soluzione delle questioni specifiche.”

Splendida autobiografia di un autore che ha cambiato, non solo la psicologia, ma il modo di approcciarsi alle relazioni. Per questo nel '87 fu candidato al Premio Nobel per la Pace.
Per averlo, ordinatelo qui

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento